In  piazza  della  Vittoria,  sul  lungomare  di  Spotorno,  domenica  28  luglio a  partire  dalle 21,30  in   occasione   della   serata   di   chiusura   della   VII   edizione   di   Scienza   Fantastica,   si   terrà uno  spettacolo   multimediale inedito   incentrato   sul   racconto   della   “vera”   storia   di   Major   Tom,  basato  sulle  musiche di  David Bowie suonate  dal  vivo dalla  band  White  Duke.
Non  si   tratta  di  un  semplice   tributo musicale  al  Sottile  Duca  Bianco,  ma  di  un  evento  culturale
con  musica   suonata   e   cantata   dal   vivo, proiezioni   di  immagini   e   video per   uno   spettacolo   che  ripercorre  quasi  cinquant’anni  di  cultura  musicale  rock.
Lo   spettacolo   consiste  in   un   percorso  musicale   che   tocca  le   tappe   fondamentali   dei   47  anni   di  vita  artistica  di  David  Bowie.  Dal  suo  primo  successo  del  1969  fino  all’ultimo  lavoro  uscito  solo  due  giorni  prima  della  sua  scomparsa  nel  2016.

“NEIL ARMSTRONG non è stato il primo uomo a mettere
piede sulla Luna, sono stato io il primo!”

Queste  le  parole  del  Maggiore  Tom  Newton,  protagonista  di  una  precedente  missione  secretata  dalla  NASA  e  di  una  storia  incredibile  che  ha  influenzato  la  musica  rock  degli  ultimi  cinquant’anni  a  livello  planetario.
THE  RISE  & FALL  OF  MAJOR  TOM
La  storia:
Major  Tom  è  stato  il  primo  alter  ego  di  David  Bowie  e  ha,  in  qualche  modo,  segnato  e  influenzato  tutto   il   suo   percorso   musicale.   Quella   che   verrà   raccontata questa   sera   è   la   storia   di   un  astronauta   che,   nel   1969,   durante   un   volo   spaziale   top   secret,   trovandosi   sul  lato   oscuro   della Luna,  viene  a  contatto  con  un  alieno;  al  suo  ritorno  sulla   terra,   tutto  sarà  diverso  e  in  continua
trasformazione.
Il  suo  problema  è  che  non  può  dire  la  verità  perché  nessuno  gli  crede,  la  sua  missione  è  secretata  ed  è  costretto  a  cambiare  costantemente  identità.  Soprattutto  si  trova  a  farlo  spinto  da  una  sorta  di   impulso   interiore,   come   una   sua   seconda   personalità   che   periodicamente   prende   il  sopravvento  su  di  lui.
È costretto  a  cambiare  identità  e si  trasforma  in  un  messia  del  rock,  con  l’obiettivo  di  raggiungere  fama  e  successo  e  al  contempo  lancia  messaggi  di  una  possibile  fine  del  mondo  ad  opera  degli  alieni.
La  vita  non  è  semplice  per  lui,  ha  spesso  sogni  e  visioni  durante  le  quali  si  confronta  e  lotta  con  la  sua  parte  aliena,  quella  che  ha  solo  il  desiderio  di  vendere  il  mondo…
Dieci  anni  sono  passati  da  quel  viaggio.  La  mente  di  Major  Tom  è  affollata  di  mostri  spaventosi,  il  suo  fisico  è  malandato,  si  è  perso  nei  suoi  eccessi:  alcol,  droga.  E’  arrivato  quasi  ad  uccidersi,  forse  nel  tentativo  di  liberarsi  da  quella  presenza  aliena.  Il  suo  corpo  è  ridotto  il  cenere.
Ma  attraverso  il  cambiamento  e  la  trasformazione  si  rimette in  gioco  ogni  volta  con  una  nuova  identità.
Alla  fine  l’alieno  ha  deciso  di  spiccare  il  suo  ultimo  volo  verso  la  sua stella  nera.  Chiudere  i  conti  e  lasciare  gli  umani  al  loro  destino.  Lui  o  lei,  risorgerà  come  un  nuovo  Lazzaro  in  una  nuova  dimensione,  raccontando  una  nuova  storia.
La  band  che  ha  creato  uno  spettacolo  teatrale  basato  sulle  canzoni  di  David  Bowie,  la  cui  prima  è  stata  messa  in  scena  il  24  aprile  al  teatro  del  Levante  di  Sori,  presenterà  questo racconto  originale  musicato  dal  vivo  con  i  più  rappresentativi  brani  della  carriera  del  Duca  Bianco.
A scrivere  la storia  e ad  interpretare  il  Duca  Bianco  sul  palco  ci  sarà  Bob  Lobrano,  già  voce  dei  Blindosbarra di   Genova   negli   anni   ‘90.   Ad   accompagnarlo   una   band   composta   da   alcuni   tra   i  migliori musicisti  savonesi:  alla  chitarra  Fabrizio  Calzolari,  al  basso  Ennio  Ventura,  alle  tastiere  Fulvio  Bacchiocchi,  ai   cori   Francesca  Gancitano  e  alla   batteria  Umberto  Spitale,  gradito  ospite  spotornese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *